ZTL e invalidi: è subito multa se il permesso è scaduto!

ZTL

Scatta la multa se il permesso ZTL è scaduto: nessuna scusa!

Gli invalidi che entrano nella ZTL (Zona a traffico limitato) con il permesso scaduto saranno multati e dovranno pagare senza scusa alcuna, anche se il permesso è stato successivamente rinnovato. Questo perché? Secondo la Corte di Cassazione il permesso ZTL scaduto è una vera e propria dimenticanza che non ammetta alcuna attenuante e quindi la sanzione non può essere annullata in nessun modo! In data 21 novembre si è chiarito che non si può più parlare di errori fatti in buona fede.

Niente può annullare la sanzione

Non attivarsi in tempo per rinnovare il permesso è fatale e deve essere necessariamente punito. L’automobilista non ha scusa di nessun tipo, la sanzione non sarà annullata. Ci sono stati esempi portati in giudizio, uno tra questi vede come protagonista un automobilista che ha effettuato per due volte l’accesso nella ZTL di Rimini con il pass di invalidità scaduto. La tesi difensiva ha provato in tutti i modi a sostenere che l’automobilista aveva commesso un’azione in buona fede e che non si era accorta di avere il permesso della zona a traffico limitato già scaduto da un pò e che avrebbe provveduto subito.

ZTL

I giudici hanno respinto la tesi difensiva che giustificava il comportamento dell’automobilista. Il giudizio è stato portato davanti al Tribunale e poi alla Cassazione. La Corte ha difatti stabilito che non si può assolutamente parlare di buonafede a riguardo di questo caso specifico in cui l’automobilista non ha rinnovato il permesso. Anzi il colpevole è stato anche accusato di negligenza per il mancato rinnovo del permesso per invalidi.

In sostanza la persona in questione ha commesso ben due violazioni  a bordo della sua auto avvenute in due momenti diversi, ma se fosse stato anche solo uno, la vicenda sarebbe finita in egual modo.

Dunque prestate sempre attenzione al vostro permesso ZTL, accertatevi che sia sempre valido altrimenti correrete il rischio di essere severamente multati. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *